Home > Uncategorized > Nonostante tutto sempre con PS

Nonostante tutto sempre con PS

In questo articolo vi rendo partecipi di un mio “ spero momentaneo” dramma. Una connessione ballerina.
Da tempo ormai che bazzico molto raramente il sito di powerchallenge ma questo non è dovuto alla mia volontà. Purtroppo, per svariati problemi, ho dovuto abbandonare la connessione di fastweb per rimpiazzarla con una linea wireless, linkem per i più precisi. Nonostante un buon avvio di questa mia nuova connessione da qualche settimana ad oggi il rooter del nuovo operatore non riesce più ad ottenere segnale, lasciandomi inevitabilmente senza connettività internet.
Inizialmente ho dovuto lasciare la carica di CA, mi si imponeva di non giocare con una connessione ai limiti dell’hakeraggio e, giustamente, ho preferito non continuare ad avere quel ruolo per poter giocare una tantum visto che mi si accusava di essere uno che prendeva vantaggio da questo problema (vantaggi che nessuno mi ha saputo mostrare quali fossero visto che in quel periodo passai da essere il numero uno in Italia 30 al mondo fino ad arrivare ad un anonimo 300esimo posto perdendo la bellezza di 300 rp). Oggi mi riesco solo a collegare tramite penna USB e, come da aspettarsi, il collegamento oltre ad essere scandaloso è a tempo limitando così, per forza di cose, limitandomi i passaggi sul mio sito preferito.
Purtroppo in Italia le connessioni internet sono una vera e propria piaga sociale. Siamo nel 2011 e tutta Europa è già coperta dai più svariati e moderni sistemi di conenttività, L’Italia è alla stregua dei paesi del nord Africa per la qualità dei sistemi di navigazione on line; esistono alcuni paesi dove la navigazione a banda larga ha la copertura del 100% su tutto il territorio e i costi sono inferiori a quelli che in Italia sono paragonabili alle connessioni semplici, addirittura in alcuni casi la connessione è gratuita per gli studenti universitari e delle scuole superiori rendendo un diritto una fonte di informazione valida come quella di internet. Ma questo è un altro paio di maniche che ci riguarda ma che non è il caso di trattare su questo sito, sperando che prima o poi le cose cambieranno.
Quel che vorrei dirvi invece è che per chi ama PS come me è davvero difficile farne a meno. Conobbi questo sito nel lontano 2006 quando, tramite un annuncio posto sulla Gazzetta dello sport, cliccai ed entrai per la prima volta nel mondo di PS. Da allora ho passato migliaia di ore su questo sito arrivando a cogliere tutti, o quasi tutti i traguardi da me posti in essere. Primo in Italia, Vincitore di tutte le vecchie coppe ufficiali possibili, vincitore di premi per la classifica nelle coppe mondiali, vincitore della lega pro1, l’unico cruccio non essere stato numero 1 al mondo, anche se per quello sono consapevole che avrei dovuto cambiare PC. E già perché tutti questi traguardi sono stati raggiunti con un PC vecchio di 10 anni, potenziato come potevo con patch qui e la e con qualche aggiunta hardwere con il mitico poor21 che mi ha aiutato a migliorare le prestazioni del mio PC (e per questo lo ringrazio ancora); nonostante tutti gli aggiornamenti ed i backup il massimo di FPS da me visti sono stati di 30 fps, credo che con un PC di nuova generazione( fps ho sentito anche pari a 150!) in pochi sarebbero stati capaci di battermi (e questo prendetelo come un picco di modestia!!). Ma infondo il gioco è esattamente questo, mettersi in competizione e pensare di poter sempre essere migliore degli altri nel rispetto delle regole e dell’avversario. Non condanno gli rpcillitici che basano la loro esistenza solo sulla classifica mondiale, ma credo che il miglior modo di godersi questo gioco sia usare quello che i latini chiamavano “Pietas”, che non ha niente a che fare con la pietà come la intendiamo oggi. La Pietas era il rispetto per l’avversario ferito a morte, il colpo di grazia, i romani non restavano li a giocherellarci facendo morire anche il suo orgoglio ma infliggevano il colpo mortale senza che l’avversario ferito e moribondo perdesse anche l’orgoglio. Spesso nell’ultimo periodo mi sono capitate partite dove, per colpa di un PC obsoleto ed una connessione scandalosa, dopo pochi minuti la partita era ormai incanalata verso una mia sconfitta, in questi frangenti ho apprezzato molto i giocatori che continuavano a giocare con lo stesso ritmo di inizio partita e invece ho perso le staffe contro coloro che incominciavano a provare tiri improbabili o passaggi prolungati o ancor peggio quelli che lasciavano i comandi per poi tornare per controllare che la partita fosse ancora in loro vantaggio. Ma sto blaterando. Tutto questo per farvi capire come per me PS era e spero sarà un momento importante. Mi manca giocare a questo gioco, mi mancano le persone conosciute in questi anni, mi manca il sapore della vittoria e l’amatro della sconfitta, mi manca l’unione dei Clan e delle persone che vi facevano parte.
Criticate ancora questo gioco contestate le scelte dei creatori ma, PS, resterà sempre uno dei capolavori dei giochi online.

chemist75

Categorie:Uncategorized
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: